Asana yoga: l’equilibrio fra limite e spinta al cambiamento

_149 copia_

La parola asana significa “posizione” e deriva dalla radice sanscrita as, “restare, sedere, stare in una determinata posizione“. Nei testi tradizionali l’asana è descritta come una combinazione di Sukha (comodità/durata) e Sthira (stabilità/fermezza).

Quando pratichiamo yoga, a volte, questi due aspetti possono sembrarci incompatibili; lo yoga ci mette in condizione di esercitare la mente a vedere le cose in modo meno conflittuale e duale. Questo è possibile attraverso l’auto-osservazione, la conoscenza di sè, la sperimentazione e l’accettazione del proprio limite.

Come nel corpo una base solida e ben radicata a terra è indispensabile per poter sviluppare la posizione, così nell’atteggiamento con cui affrontiamo le asana la base è la conoscenza e l’accettazione del proprio punto di partenza.

Accogliere il nostro limite ci permette di entrare in contatto con la nostra essenza: solo partendo da lì possiamo progredire in modo creativo e sano per noi stessi.

Normalmente, anziché amare e usare i nostri limiti come guida per il percorso che vogliamo fare, li releghiamo in una zona d’ombra, cercando quanto prima di allontanarci da essi: diamo al limite un’accezione negativa, invece di considerarlo semplicemente una caratteristica soggettiva da cui partire, senza giudizio, per esplorare il nostro mondo psico-fisico.

Ma, se non siamo radicati nella nostra base, il nostro percorso di evoluzione sarà faticoso e privo di piacere e ci lascerà sempre insoddisfatti e fragili.

Allora, perché in un’asana siano presenti Sukha e Sthira, lo sguardo deve essere rivolto verso l’interno all’auto-osservazione e, contemporaneamente, verso l’esterno nella direzione della posizione perfetta, così che il nostro percorso graduale e costante abbia la caratteristica dell’attenzione senza tensione e del rilassamento senza torpore.

In questo modo raggiungeremo una fusione armonica tra ideale (posizione perfetta) e reale (il proprio punto di partenza), senza identificarci in nessuno dei due aspetti, ma stabilizzandoci nel centro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...