Equilibrio in azione – una sequenza

La pratica delle sequenze armoniche offre interessanti possibilità  per sviluppare ed arricchire la propria pratica e l’insegnamento in modo creativo.

Nel tipo di sequenza che descriveremo, si eseguono movimenti in ogni direzione, cosicché il corpo, attraverso la ripetizione dolce e precisa, si riscalda e si ammorbidisce migliorando la propria flessibilità.

Più precisamente la sequenza prevede, oltre alla varietà, anche l’alternarsi di movimenti contrapposti, cosicché l’effetto sul corpo sarà  quello della flessibilità bilanciata.

Durante l’esecuzione il ritmo del movimento deve mantenersi costante, senza scatti né decelerazioni; anche l’intensità  con cui si eseguono le singole posizioni è equilibrata, senza accentuarne o trascurarne nessuna. Non meno importante sarà l’osservazione del respiro, che dovrà fluire liberamente senza essere trattenuto.

A prescindere dai livello da cui partiamo, la nostra attenzione dovrà essere totale, se vogliamo integrare nella nostra azione-sequenza tutti questi elementi creando così tra di essi un dialogo che, attraverso la pratica, diventerà sempre più raffinato e introspettivo.

La ripetizione della sequenza, liberandosi da ogni pesantezza e incertezza, ci condurrà  inevitabilmente a un movimento sempre più leggero, preciso ed essenziale.

Descrizione della sequenza

Dalla posizione carponi salite in adhomuka svanasana.

Con un grande movimento rotondo, passate in urdhvamukha svanasana

e successivamente tornate in adhomukha svanasana.

Appoggiate le ginocchia a terra, ruotando il dorso dei piedi, glutei sui talloni e mani in presa alle caviglie; da qui salite in ustrasana

Scendete con i glutei sui talloni, mani a terra davanti alle ginocchia, ruotate le dita dei piedi sotto e con una leggera spinta delle mani indietro passate in malasana

da qui agganciate con le braccia le ginocchia e salite in equilibrio sulle mani nella posizione di bakasana

Scendete a piedi uniti, serrando le gambe, mani intrecciate sopra la testa, nella posizione di mahavajarasana mantenuto in equilibrio sui piedi

Riportate le mani a terra, portando il piede destro avanti in linea con il ginocchio sinistro, agganciate con il braccio sinistro la gamba destra, nella posizione intermedia di ardha matsyendrasana

Tornate con le mani a terra e saltando invertite la posizione

Poi portate il piede sinistro indietro riunendolo al destro, con una leggera spinta delle mani indietro salite in uttanasana, fase intermedia con ginocchia piegate e mani in presa dietro alle caviglie

Infine distendete le gambe in uttanasana, fase finale

La sequenza è terminata; per ricominciare, da uttanasana poggiamo le ginocchia e le mani a terra e riprendiamo da adhomukha svanasana.

Questa pratica può essere un’ottima preparazione ai piegamenti indietro; inserendo dopo alcuni cicli preparatori ustrasana con le braccia distese indietro subito dopo ustrasana classico, la sequenza viene resa più incisiva per preparare ad esempio kapotasana o urdhvadhanurasana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...