Yoga e difficoltà

Un dolore al ginocchio che mi accompagna da alcuni mesi mi fornisce lo spunto per condividere una riflessione su come affrontare la pratica e sul perché e importante farla quando non si è in perfetta forma.

È interessante mettersi sul tappetino e iniziare una seduta di yoga quando abbiamo piccoli dolori, ovviamente dopo aver valutato la necessità o meno di un consiglio medico.

La mente e il corpo sono le due facce della stessa medaglia, energia e materia che diventano interscambiabili. Modificando il nostro corpo attraverso la pratica consapevole di asana e respiro, noi modifichiamo indirettamente i nostri pensieri e il modo di vedere le cose.

Il cambiamento è – per tutti gli aspetti del nostro quotidiano – la normalità: ciascuno di noi affronta ciclicamente momenti più o meno difficili, e si evolve continuamente.

Imparare a fare yoga in ogni condizione con costante curiosità e interesse piuttosto che scoramento o esaltazione è il modo giusto per riportare senso allo yoga.

Quando abbiamo un problema e dobbiamo modificare il nostro modo di fare, sarà capitato a molti di sentirsi inizialmente infastiditi; possiamo invece accogliere questa condizione occupandoci di noi stessi con un ascolto più amplificato e sottile.

Dobbiamo fare un passo indietro e adottare un atteggiamento maggiormente riflessivo verso noi stessi, verso ciò che facciamo e verso il come lo facciamo.

Fare un passo indietro non vuol dire bloccarsi e rinunciare, ma fare con ciò che in quel momento si ha a disposizione, ed essere nel presente.

Come si traduce tutto ciò in pratica? Mi metto sul tappetino e mi lascio guidare dal corpo, perché il corpo ha preso il sopravvento e vuole essere ascoltato. Quindi, cerco di calibrare e miscelare perfettamente l’ascolto e la tecnica, cioè quello che il corpo “vuole fare” con ciò che il corpo “deve fare”.

La mente aperta non giudica, non confronta e non si cristallizza sul benessere o sul malessere, ma fluisce adattandosi, momento per momento, al presente.

Fare yoga bene non dipende dal fatto che abbiamo o no problemi fisici, ma da quanto sappiamo applicarne la bellezza tecnica e i principi ad ogni condizione psico-fisica.

Impariamo a fondare le nostre azioni sulla realtà, e non su un’idea che abbiamo in testa: questo richiede un aggiornamento continuo su noi stessi, dove nulla è scontato e meccanico.

Dal punto di vita tecnico, in linea generale dovrò lasciare riposare la parte dove c’è dolore e lavorare attorno ad essa per riportare equilibrio e riorganizzare l’energia all’interno del corpo.

Per quanto riguarda l’atteggiamento, un problema ci dà l’opportunità di essere maggiormente nello yoga perché siamo più in contatto con noi stessi e più sensibili: dovremmo mantenere la stessa qualita mentale anche quando siamo in forma

Solo così lo yoga ci insegna come essere in salute in senso lato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...